Collegati | Registrati

Il ruolo professionale perfetto? Si costruisce su misura.

Ruolo professionale: evoluzioni in azienda

cambiare ruolo lavorativo

Succede spesso che nelle organizzazioni venga richiesto ai collaboratori un cambio di ruolo in azienda, all’interno dell’organigramma. Vuoi per nuove necessità di sviluppo, vuoi per una ristrutturazione o per un ricollocamento delle risorse, capita che le persone si trovino a dover fare i conti con un cambio di mansione.

Succede meno spesso che l’azienda si renda conto che questo cambiamento ha delle ripercussioni importanti per il collaboratore e per l’organizzazione stessa, e che si tratta di un processo che necessita di essere seguito e monitorato.

Immaginate di essere voi, lettori, a vivere questa situazione, ad affrontare un cambiamento delle attività quotidiane che hanno scandito fino ad ora la vostra quotidianità lavorativa. Come adattarsi al nuovo lavoro?

Questa è la prima domanda che vi assale la mente, insieme ad un complesso di emozioni che vanno dalla paura di affrontare il nuovo lavoro, all’ansia e al timore di non essere all’altezza, alla difficoltà di rimettersi in gioco, all’insicurezza di dimostrare credibilità in questa nuova posizione.

Nel nostro cammino di consulenti abbiamo avuto al fortuna di incontrare aziende e imprenditori “illuminati”, che hanno percepito l’importanza di sostenere l’evoluzione delle proprie risorse attraverso l’affiancamento alla figura in fase di cambiamento di un coach, un consulente che, a metà tra un allenatore e un consigliere di fiducia, supporta e monitora ogni passo del suo ingresso in ruolo.

Insieme ad un’azienda cliente, operante nel settore GDO, abbiamo strutturato un percorso di affiancamento di questo tipo, molto specifico.

La richiesta dell’azienda è riferita ad una risorsa in particolare, in procinto di coprire la posizione di Responsabile della comunicazione interna e della formazione, rispondendo direttamente all’HR manager della grande azienda.

Il nostro consulente senior Giovanni Vitale è stato chiamato a mettere a disposizione la sua decennale esperienza nell’ambito delle risorse umane, per affiancare la risorsa e portarla a “vestire” con disinvoltura e competenza il nuovo ruolo, particolarmente delicato e di estrema rilevanza soprattutto per il periodo storico che sta caratterizzando l’azienda.

L’attività di OPES Risorse, in questo caso, si struttura in 5 punti:

1. Individuazione delle esigenze dell’azienda, le motivazioni che hanno spinto alla scelta della risorsa gestione per ricoprire il ruolo. In questa fase, il nostro consulente affianca il responsabile HR attraverso interviste e colloqui volti a definire le reali esigenze e aspettative nei confronti del profilo scelto.

2. Individuazione delle attività che il ruolo prevede, mappando le eventuali aree di sviluppo e di formazione tecnica che la risorsa dovrebbe coprire.

3. Conoscenza della risorsa, attraverso un colloquio e un’intervista strutturata che portano il consulente a comprendere anche gli eventuali timori, perplessità, aspettative della persona, mappando le sue competenze tecniche e trasversali.

4. Strutturare un progetto di affiancamento con durata annuale, identificando incontri cadenzati e costanti in cui poter analizzare i progressi e le difficoltà, aiutando attraverso stimoli e riflessioni ad indossare meglio il proprio nuovo profilo, acquisendo sempre più pienezza di ruolo.

5. La fase finale sarà di valutazione dei risultati, sia nei confronti della persona che dell’azienda.

Crediamo fortemente che questo percorso abbia una duplice finalità: crei valore nelle risorse implicate nel percorso, portandole ad evolvere e a sviluppare il proprio profilo professionale, e nel contempo porti vantaggio competitivo a queste aziende che hanno a cuore le proprie risorse e sono consapevoli di quanto sia importante metterle nelle condizioni di poter esprimere al meglio le proprie potenzialità.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Devi essere autenticato per lasciare un commento.